MA FIno A quando…

Non è uno spettacolo per tutti. Non potrebbe essere altrimenti. 

16711473_1224035421044299_3507556197989680099_n

Sono ancora disponibili gli abbonamenti alla Stagione Teatrale Domenica d’Incanto.

Uno spettacolo sulla mafia, nel nostro paese, nella nostra regione, non è certamente una cosa da tutti i giorni e, certamente, non è una cosa da ridere.

Il testo originale di “MA FIno A quando” è di Nino Gemelli, ma è stato modificato con degli inserti importanti che hanno cambiato la struttura portante dello spettacolo, con l’innesto delle musiche dei Dream Theater, famosissimo gruppo progressive, una lauda dialogata di Iacopone da Todi, Donna dé Paradiso

 che rafforza la forma tradizionale del “contrasto” (strofe cioè in cui si alternano le battute di due personaggi), per sviluppare una scena drammatica a più voci, facendo assumere al testo una dimensione teatrale. È considerata il componimento di avvio della “lauda drammatica”, un genere che matura nell’area fiorentina nel Trecento e Quattrocento

e un brano aggiunto scritto da Francesco Passafaro, una scena che rappresenta lo stato politico attuale in cui purtroppo, sempre più spesso, troviamo degli inserimenti da parte della mafia.

E’ uno spettacolo su tutti noi perché, anche se non lo possiamo ammettere, spesso il pensiero mafioso è radicato nel nostro modo di comportarci, di essere, di agire.

Per chi chiede di essere raccomandato e per chi è stato scavalcato, per chi compra la laurea e per chi imbroglia sul proprio posto di lavoro.

Per fortuna non siamo tutti così e lo spettacolo racconta quella parte di Calabria che vuole reagire, che vuole combattere con le unghie e con i denti questo stato di cose.

E’ uno spettacolo molto fisico, mimico, nel senso che il testo è stato ridotto all’essenziale, tranne nella parte dei politici che, come è noto, parlano sempre tanto.

Un atto unico che vi stupirà per l’originalità di uno spettacolo scritto oltre 30 anni fa e ancora, purtroppo, attualissimo. E allora la domanda è sempre quella: MA FIno A quando la Calabria dovrà sopportare questa piaga, fino a quando faremo finta che tutto questo non esiste, fino a quando noi tutti saremo schiavi di questi comportamenti che distruggono tutto il bello che la nostra terra ha nella propria natura?

 

Gli attori del Teatro Incanto stanno realizzando uno spettacolo molto diverso da quelli cui ci hanno abituati finora.

La differenza principale sta ovviamente nel tema scelto, che non può essere trattato con superficialità, ma deve essere approfondito e vissuto sotto la propria pelle, prima di essere trasmesso al pubblico.

 

Il 26 marzo 2017, alle ore 18,30 presso l’Auditorium Casalinuovo di Catanzaro, il pubblico potrà domandarsi MA FIno A quando…

 

Prenota adesso il tuo posto! Abbonati ora alla stagione del Teatro Incanto, Domenica d’Incanto, e per te ci saranno tantissime sorprese e tantissimi bonus!

 

Chiama ora il 320/2516302 e parla con Roberto Malta per avere il tuo posto prenotato, in modo da vedere (bene!) uno degli spettacoli più straordinari che ti sia mai capitato davanti gli occhi. E se così non fosse, sai dove trovarci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *